Categories:
Email:
User Name:
 Iscriviti   

Gustolandia consiglia:

associazione

 
Earth Day: Salvare il pianeta mangiando "giusto"

Earth Day: Salvare il pianeta mangiando "giusto"

Autore: Gusto landia/venerdì 22 aprile 2016/Categorie: Info e News, Valorizzazione dei patrimoni eno-gastronomici , Ambiente

Rate this article:
5.0
Quindi questa Giornata della Terra, piuttosto che concentrarsi su lampadine o  auto ibride, fare il punto sulla nostra cucina. Come si può rendere più sostenibile, più efficiente, e più sana sia per noi e per il pianeta?
Adottare una dieta sostenibile a basso impatto ambientale è fondamentale per preservare la salute umana e il benessere del pianeta ed eliminare lo spreco di cibo.
Adottare una dieta sostenibile, infatti, permette di mantenere un basso impatto ambientale concorrendo alla protezione e al rispetto della biodiversità e degli ecosistemi e, allo stesso tempo, di conservare un alto livello di sicurezza alimentare e nutrizionale oltre ad essere economicamente accessibile.
Quasi un terzo della nostra impronta ecologica sul pianeta è dovuta all’alimentazione. Fragole e pomodori a gennaio, agnello e mele dalla Nuova Zelanda, noci dagli Stati Uniti, cetrioli e lattuga coltivati in serra: oggi possiamo permetterci qualsiasi alimento in ogni stagione e proveniente da ogni parte del Mondo. Ma questi nostri capricci hanno un prezzo non indifferente per l’ambiente, in quanto generano inquinamento sia a livello di produzione che di trasporto. Il percorso verso una società sostenibile passa quindi anche attraverso il cibo e la nostra tavola. Nell’alimentazione è necessaria una maggiore efficienza energetica tramite la scelta di prodotti regionali e di stagione come pure la promozione di marchi ecologici come il bio.Inoltre un consumo più consapevole di carne e pesce è più che mai indispensabile.

Acquistare il cibo è un’ operazione che va fatta con consapevolezza, tenendo bene in considerazione la stagione e la provenienza. Questo per evitare lunghi trasporti e la produzione di frutta e verdura in serre riscaldate tramite combustibili fossili.
Un chilo di asparagi acquistati in febbraio e provenienti dal Messico provocano ad esempio il consumo di quasi 5 litri di petrolio per la loro produzione e trasporto. Gli stessi asparagi coltivati in Svizzera ed acquistati in maggio causano il consumo di solo 0.3 litri di petrolio. Un chilo di fragole da Israele acquistate in febbraio necessitano il consumo di 5litri di petrolio, quelle svizzere acquistate in giugno solo 0.2litri. La produzione di verdure in serra durante la stagione invernale necessita dal 20 all’80% di energia in più rispetto ad una produzione in campo aperto.
La sostenibilità nell’alimentazione passa quindi senza dubbio dalla promozione del cibo di provenienza locale.
L’autosufficienza alimentare su scala regionale o nazionale andrebbe favorita dando all’agricoltura l’importanza che si merita, mettendole a disposizione anche i mezzi finanziari necessari per sopravvivere ed evitando di sacrificare continuamente terreno agricolo.
Gli alimenti prodotti in modo biologico comportano emissioni nettamente inferiori e richiedono molta meno energia.

Print

Numero di visite (10480)/Commenti (0)

Gusto landia

Gusto landia

Altri posts di Gusto landia

Please login or register to post comments.

Copyright 2022 by Assoc. SapereSapori Project- cf 91015210205 Termini Di Utilizzo Privacy