Categories:
Email:
User Name:
 Iscriviti   

Gustolandia consiglia:

associazione

 
Corallina e Pizza al formaggio

Corallina e Pizza al formaggio

Autore: Gusto landia/giovedì 28 marzo 2013/Categorie: Territori , Umbria

Rate this article:
5.0
La corallina è il salame umbro per eccellenza, infatti è molto conosciuto anche fuori regione; viene usato
come componente dell’antipasto umbro misto. Il nome deriva dal tratto di budello utilizzato per l'insaccatura
delle parti scelte di suino selezionate dal grasso in eccesso  e con l'aggiunta di piccoli lardelli tagliati a mano.  Nella tradizione locale, è immancabile nella colazione pasquale insieme alla pizza al formaggio.

      
Pizza al formaggio         

Si tratta di una torta salata, tipica delle feste pasquali, che a Perugia viene chiamata torta di Pasqua, di forma assai simile al ben più famoso panettone natalizio meneghino. Viene preparata con grande impegno, di spesa e di tempo, il Giovedì o il Venerdì Santo, e la tradizione vuole che, essendo questi giorni di digiuno e di astinenza, non si dovrebbe assaggiare finché non si "sciolgano le campane", a conclusione cioé del periodo di penitenza.
La buona riuscita della torta di Pasqua ha messo sempre in gioco la reputazione di ogni massaia. Ciascuna casa era un tempo pervasa dai preparativi: nella notte cominciava il lavoro che durava quasi l'intera giornata.
Richiamando gli antichi riti pagani della Fertilità e dell'Abbondanza e quelli cristiani del Giovedì Santo, la torta di Pasqua viene portata in chiesa, per essere benedetta insieme a tutti i cibi da consumarsi il giorno di Pasqua.
Oggi la torta può essere acquistata tutto l'anno, anche in confezioni sottovuoto, in ogni punto di vendita alimentare e, pur mantenendo la sua forma originale, ne ha acquistato delle altre, come quella rettangolare del pan-carré, oppure bassa come una schiacciata, oppure lunga e affusolata come un grande grissino.
La si può trovare anche già farcita e fatta a spicchi, con salame umbro, prosciutto, tonno e maionese e tanti altri ingredienti. Per conferirle un sapore meno forte, nella ricetta è stato introdotto il burro al posto dell'olio ed il pecorino è stato sostituito dal parmigiano.
La lavorazione industriale l'ha resa più leggera e digeribile.    
      

La preparazione è la seguente: alla pasta del pane si aggiunge il lievito di birra, che raddoppia il volume dell'impasto, quindi farina, uova sbattute, olio extravergine di oliva, strutto, pecorino stagionato di Norcia grattugiato, pecorino fresco a tocchetti, sale e pepe.
Data la grande quantità, è questa una delle poche ricette che vede impegnato l'uomo della famiglia, coinvolto per lavorare l'impasto tanto a lungo, finché risulta liscio e lucido. A questo punto, si pongono le forme a lievitare in stampi di coccio a tronco di cono. Ultimata questa delicatissima operazione, si passa alla cottura nel forno a legna.
Dopo circa tre ore, si sfornano torte di un bel colore ambrato, pronte a troneggiare sulle tavole il giorno di Pasqua, insieme con il capocollo, le uova sode ed un bel cosciotto d'agnello.
Print

Numero di visite (7022)/Commenti (0)

Tags:
Gusto landia

Gusto landia

Altri posts di Gusto landia

Please login or register to post comments.

Copyright 2020 by Assoc. SapereSapori Project- cf 91015210205 Termini Di Utilizzo Privacy