Categories:
Email:
User Name:
 Iscriviti   

Gustolandia consiglia:

associazione

 
Ritorna Piante e animali perduti... a Guastalla

Ritorna Piante e animali perduti... a Guastalla

Mostra mercato di varietà tradizionali di frutti, fiori, ortaggi, sementi e razze di animali rurali, di prodotti eno-gastronomici, biologici, tipici e dimenticati

Autore: Gusto landia/venerdì 25 settembre 2015/Categorie: Eventi, Territori , Emilia Romagna

Rate this article:
No rating

Data evento: 26/09/2015 10:00 - 27/09/2015 23:00 Export event

Sabato 26 e Domenica 27 settembre  torna  a Gustalla, antica capitale dei Gonzaga (RE) sulle rive del Po, a pochi chilometri da Mantova, Piante e Animali Perduti, uno degli appuntamenti dedicati al mondo rurale e alla biodiversità di inizio autunno più attesi e frequentati, come indicano gli oltre 40mila visitatori della passata edizione.
Portare alla ribalta lo straordinario patrimonio di varietà animali e vegetali ormai desuete nell'agricoltura e a rischio estinzione, far conoscere specie che hanno fatto la storia del paesaggio rurale italiano e conservare la storia e le tradizioni della gente la cui vita è ruotata per decenni attorno alla terra, oltre che al fiume è l’intento della manifestazione.  Ed è anche il contributo della sua diciannovesima edizione, organizzata a cura di Vitaliano Biondi con l’Associazione guastallese gemellaggi ed eventi, il patrocinio del Comune di Guastalla e il supporto di Til, a declinare il tema di Expo 2015 “Nutrire il pianeta”. Lo fa con una precisa chiave di lettura che contrassegna la rassegna fin dalla prima edizione nel ’96, in grande anticipo sui tempi: quella della biodiversità, del rispetto per l’ambiente, del cibo buono e sano (Ingresso 3 euro. Info www.pianteeanimaliperduti.it).
Al pubblico di Piante e animali perduti in questa edizione che conta più di 500 espositori, viene offerta così la possibilità di affrontare questo cammino seguendo le numerose attività in programma. Uno spettacolo emozionante – fatto di forme, colori e profumi inebrianti – dove i migliori vivaisti d’Italia presentano orchidee, rose, iris, dalie, aster, erbacee perenni, piante acquatiche e graminacee ornamentali, erbe entrate negli ultimi anni nel cuore dei giardinieri. Accanto a loro sono presenti frutti antichi dai sapori unici come l’uva fogarina, la prugna zucchella di Lentigione, il melo campanino e grani antichi solo per citarne alcuni. Se i portici seicenteschi si trasformano in un Eden, l’area di Palazzo ducale tra staccionate e pagliai diventa una vera fattoria che accoglie galli, galline, capre, pecore, maiali, vacche e asini, oche alcuni di razze antiche come la pecora cornella e la vacca rossa reggiana. Tornano anche la gara di canto del gallo e il concorso Oca bell’oca.
Quest’anno arricchiscono la manifestazione alcune novità. Quattro giardini per quattro galline vede quattro paesaggiste: Clare Littlewood, Barbara Negretti, Silvia Ghirelli, Elisa Tomat cimentarsi nella realizzazione di quattro giardini per razze diverse di gallina;  The pink side of the food. Donne in campo  propone testimonianze ed interviste realizzate da Anna Kauber,  dedicate alla  centralità del ruolo femminile nel nutrire l’umanità del pianeta; Penelope, salone delle antiche arti femminili (bandera, macramè,tombolo, ricamo, merletto, uncinetto, tessitura ecc) intende incentivare la creatività in tutte le sue forme, facendo rivivere antiche tradizioni.
Piante e animali perduti è anche festa dell’eccellenza biologica  e dei sapori che riunisce agricoltori, piccoli produttori, agricoltori custodi impegnati a conservare   colture tipiche  e dimenticate di varie parti d’Italia oltre a prelibatezze della cucina tipica reggiana. Protagonista in egual misura la cucina locale che avrà il suo apice nello show cooking (sabato 26 settembre, ore 16.30 piazza della Repubblica) con Dario  Nizzoli, del Ristorante di Villastrada di Dosolo (Mn), emblema della cucina mantovana, che svelerà tutti i segreti dei tortelli di zucca.  Ma ci sono anche degustazioni guidate di aceto balsamico e di nocino, assaggi di olio, mostre  micologiche e di peperoncini. Nel cortile di Palazzo ducale si svolgono inoltre il palio del gnocco fritto, del parmigiano reggiano di vacca rossa reggiana e il torneo fra mostarde della riva destra e sinistra del Po.

Il programma è arricchito da numerose iniziative per bambini e ragazzi. Quest’anno  piazza della Repubblica  è il centro del  Paese dei Balocchi con animazioni, giochi antichi, laboratori di ceramica. Ma le attività per i più piccoli toccano anche Villa Nobili (via Piave) che  propone laboratori creativi e visite al  giardino, Via San Ferdinando che  è totalmente dedicata alle molteplici attività organizzate con gli asinelli  a cura di Aria Aperta di Massimo Montanari e Villa Nobili (via Piave) ospita laboratori creativi e visite guidate al giardino.  La domenica poi da via Don Minzoni  parte  alle ore 10  Asinarte, un laboratorio viaggiante fuori porta, organizzato  con il Circolo degli artisti  di Reggio Emilia per un approccio propedeutico all’acquerello, alla creta e ad altre discipline, accompagnato dagli asini. Inoltre nel pratone del Palazzo Ducale  Ars 21 rievoca creature fantastiche scaturite dalla mitologia o ispirate ad opera di artisti visionari come  ippocentauri, manticore, remore, sirene, ircocervi.

A piante e animali perduti trovano spazio anche interessanti incontri e dibattiti sul mondo del green e della natura.  Sabato dalle ore 9.30 alle 13.30  si svolge la  XIII edizione del  convegno di RARE, la prima associazione italiana che si occupa di conservazione e valorizzazione delle razze domestiche a rischio di estinzione. Tema dell’incontro che si svolge nel palazzo ducale di Guastalla  sono i prodotti tipici delle razze autoctone italiane. Un’occasione ghiotta non solo per conoscere le caratteristiche di popolazioni animali a forte rischio di estinzione, ma anche per  assaggiare alcuni tra i più importanti e rari formaggi italiani, difficilmente reperibili al di fuori delle zone di produzione. Inoltre nel pomeriggio di sabato alle ore 15,   sempre nel  Palazzo Ducale si tiene l’incontro “Il verde che cura - Healing Garden e Ortoterapia” promosso dall’Ordine degli architetti di Reggio Emilia.

La biblioteca Maldotti,  diretta da Gino Ruozzi,  ricca di oltre 100.000 volumi,  partecipa   alla manifestazione con alcuni incontri e domenica 27 settembre, a partire dalle ore 9, con il Nobil Giuoco, ovvero con la prima edizione del  "Torneo  semilampo di scacchi".
Non mancano  mostre di pittura, scultura e architettura e presentazioni di libri.

A Guastalla è possibile  assistere a  dimostrazioni di impagliatura, intreccio del salice e delle erbe palustri, l’arte del truciolo. Sono presenti inoltre i migliori artigiani, superstiti dell’eccellenza italiana nella lavorazione del legno, del ferro, della ceramica, del pellame, dei tessuti del Casentino.
Infine un salto nel passato con il mercato del vintage a cura di Armando Nocco e  sabato alle ore 18 il X Raduno Internazionale del Tabarro.
EXPO 2015 - Piante e Animali perduti rappresenta una delle iniziative più significative del progetto territoriale "WE ARE Reggio Emilia per Expo 2015” e fa parte del circuito Manifestazioni amiche costituito per favorire la collaborazione e promozione fra gli eventi ortofloreali italiani con la finalità di accrescere e favorire la cultura del giardinaggio e dell’ortofloricoltura.
PIANTE E ANIMALI PERDUTI Ingresso 3 euro. Info www.pianteeanimaliperduti.it facebook: pianteeanimaliperduti
Info: Officina di Progettazione Architetto Vitaliano Biondi, telefono 0522 922111, e-mail: officinavita@gmail.com, officinageo@gmail.com
UIT Informazione e Accoglienza Turistica, strada Gonzaga 37/e, Guastalla (RE), tel. 0522 839763 uit@comune.guastalla.re.it.
CAMPERISTI
sosta 44°55'27.65"N 10°39'10.95"E(4)
AA Via U.Foscolo. Camper service, WC Wash, elettricità 3 euro x 12 ore per 6 camper, pista ciclabile, illuminazione, parzialmente ombreggiata con distributore acqua refrigerata gratuita.
Area in piano, asfaltata, in centro (a 50 m. dalle vie nelle quali si svolge la manifestazione). A lato ciclabile x tutti i comuni limitrofi al Po, da Brescello a Luzzara. Area gratuita, con camper service.
Print

Numero di visite (6214)/Commenti (0)

Tags:
Gusto landia

Gusto landia

Altri posts di Gusto landia

Please login or register to post comments.

Copyright 2020 by Assoc. SapereSapori Project- cf 91015210205 Termini Di Utilizzo Privacy